07 maggio 2007

Voci dal parco

Piazza Massimo D’Azeglio.
Ha da poco smesso di piovere. Come lucertoline ansiose di luce, da ogni parte, a piccoli gruppi, giungono a ripopolare il parco persone tra loro tanto diverse da non poter non suscitare la mia attenzione.
097 Faccio un paio di giri, osservo, senza farmi notare. A tale scopo tengo gli auricolari, ma con la radio spenta.
Il parco ha una geografia sociale con confini che, per quanto invisibili, si notano subito.

La prima ragazza cui mi avvicino, conduce al guinzaglio un cagnetto che si crede un pitbull. E, tanto per non contraddire il detto che vuole cani somiglianti ai padroni (e viceversa …), mi ghiaccia con un: non ho soldi!
La mia inesperienza mi ha impedito di rispondere prontamente …

Cambio strategia. Sistemo indietro i capelli, e … somma genialata … tiro fuori il tesserino dell’università … come un fazzoletto bianco, lo sventolo per assicurare che vengo in pace, non vendo nulla e non voglio soldi…

Funziona! La coppia cui mi rivolgo è gentile. Sono un uomo sui quaranta e la sua anziana madre. Noto lo sguardo della signora, dolce ma distante. Mentre parlo col figlio, mi chiedo dove stia vagando la sua mente. Lui non abita nel quartiere, è venuto a trovare la madre. Il figlio mi spiega che non capisce bene e non parla più. Del parco lui non sa dirmi niente ed abbassando la voce aggiunge che la signora ci viene spesso, con la badante. Mi hanno dato più di quanto chiedessi loro.
Mentre mi riprendo dall’emozione nell’aver colto per un attimo uno sguardo negli occhi in fuga della dolce signora, un pallone rotola proprio verso di me. Lo riconsegno al bimbo e mi dirigo verso l’isola dei bambini.
ingresso1 Su una panchina di legno, una nonna e la nipotina. Grazie alla bimba, che mi trova simpatica, riesco a parlare con la nonna. Mette le mani avanti dicendo che non abita nel quartiere ma in breve mi avverte che il parco non è sempre così calmo, anzi. Palloni che piovono ovunque, biciclette lanciate a razzo, cani liberi, tanta, tanta confusione. I bambini sono un minimo tranquilli solo nel recinto dei giochi ma vanno tenuti sempre sotto controllo. Meglio mandare i bimbi alla ludoteca, che però è chiusa di domenica. Noto che il mio prender nota fa diminuire la disponibilità della signora, cesso di annotare e cerco di memorizzare ciò che mi dice. scriverò dopo.
Mi fa presente che sebbene non perfetto,questo è l'unico parco della zona (non mi risulta, ma approfondirò).
Poi mi suggerisce che sarebbe meglio chiedere a sua figlia,(che però non è lì), la quale, vivendo nel quartire uno, conosce meglio il parco e la zona.

2 commenti:

jacopo ha detto...

e brava valeria! bada che ti controllo, cara concorrenza ;)
complimenti per il post, veramente scritto bene.
P.s. tra l'altro, in quella piazza, una volta tentarono di gettarmi nella fontana...

swing ha detto...

;-)